Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘funghi’

Da leccarsi le dita! Ottime per un pranzo importante. I funghi chiodini – armilariella mellea – trifolati, frullati e legati con la besciamella assumono una morbidezza intrigante. Posso usare anche chiodini conservati in congelatore.

20151222_193513Ingredienti: – per i funghi trifolati 800 gr. funghi chiodini puliti o 400 gr. di congelati, 1 spicchio d’aglio, 1 ciuffo prezzemolo, 4 cucchiai olio evo e una noce di burro, sale q.b. Per la besciamella – 1 l. latte intero, 100 gr. burro, 4 cucchiai farina bianca 00, noce moscata q.b., sale q.b. Per le lasagne – una confezione pasta fresca da 250 gr. (12 fogli), 100 gr. parmigiano gratuggiato, 50 gr. speck tagliato sottile, 30 gr. burro.

Preparazione: per i funghi trifolati – in una pentola metto i funghi tagliati a pezzi ed aggiungo un bicchiere d’acqua e porto a bollore, dopo un paio di minuti spengo e scolo l’acqua di cottura che elimino. In un tegamino metto l’olio, il burro e l’aglio, rosolo e unisco i funghi mescolo e copro. Regolo di sale e cucino per 15 minuti circa mescolando ogni tanto aggiungo il prezzemolo tritato, tolgo il coperchio, continuo la cottura facendo evaporare il liquido in eccesso. Per la besciamella – in un tegame posto su una fiamma bassa sciolgo il burro unisco la farina mescolando per un paio di minuti,  verso il latte caldo amalgamo, salo aggiungo un pizzico di noce moscata e continuo a mescolare a fuoco medio fino a quando il composto si addensa ed inizia il bollore. Per le lasagne – frullo i funghi trifolati con tre mestoli di besciamella. Prendo una pirofila da forno e la ungo di burro, distendo uno strato sottile di besciamella spolverata con il parmigiano e copro con uno strato di pasta; cospargo con i funghi frullati e alcune fettine di speck che ho sfilacciato, altro strato di pasta poi besciamella e parmigiano continuo con pasta funghi e speck, con pasta besciamella e parmigiano, con pasta funghi e speck e finisco con la pasta su cui spalmo la besciamella rimasta che copro di parmigiano e qualche fiocchetto di burro. Chiudo la pirofila con un foglio di alluminio e cucino in forno pre riscaldato a 180° per 20 minuti, scopro e passo al grill per un paio di minuti fino a formare una crosticina croccante.

Annunci

Read Full Post »

Zucca e finferli (cantharellus cibarius) un’accoppiata vincente, se poi sono usati per fare il ripieno dei conchiglioni di pasta di Gragnano nappati con la salsa mornay il risultato è strepitoso.

P1030608

Ingredienti per 8 persone: 16 conchiglioni, 500 gr. funghi finferli, 300 gr. zucca pulita, 2 cucchiaini concentrato di pomodoro, 50 gr. burro, 4 cucchiai olio evo, qualche rametto di prezzemolo, sale q.b.  Per la salsa mornay – 750 ml. latte, 75 gr. burro, 3 cucchiai colmi di farina bianca 00, 2 tuorli, 2 cucchiai di panna fresca, 2 cucchiai di parmigiano e 2 cucchiai di penna nera lattebusche grattugiati o gruviera, noce moscata q.b., sale q.b.

Preparazione: cucino al dente in abbondante acqua salata i conchiglioni, li scolo e immergo in acqua ghiacciata in modo da raffreddarli e fermarne la cottura.

P1030601

Taglio a cubetti la zucca e la metto in un pentolino in cui ho scaldato due cucchiai d’olio e 20 gr. di burro con 1 cucchiaino di concentrato di pomodoro, salo e cucino per una decina di minuti in modo lasciandoli croccanti. Altro pentolino e scaldo il rimanente: olio, burro e concentrato di pomodoro in cui verso i funghi dopo averli ben lavati, li faccio andare per una ventina di minuti salandoli e a metà cottura unisco il prezzemolo tritato.

P1030599

Per la salsa mornay – faccio la besciamella classica sciogliendo il burro in un tegame a cui unisco la farina mescolando per un paio di minuti, verso il latte caldo, grattatina di noce moscata, salo e continuo a mescolare a fuoco medio fino a quando il composto si addensa ed inizia il bollore. Tolgo dal fuoco ed aggiungo il formaggio, la panna ed i tuorli uno alla volta, mescolo con una frusta per amalgamare bene gli ingredienti. Prendo otto ciotole e distibusco sul fondo uno strato di salsa mornay con qualche cubetto di zucca…

P1030602

….mescolo i cubetti di zucca con i funghi e riempio con il composto i conchiglioni…

P1030605…che distribuisco a due a due nelle ciotole e completo ricoprendo di salsa mornay che uso anche per nappare i conchiglioni,…..

P1030606spolvero di parmigiano e metto in forno per 10 minuti a 180 ° e concludo passandoli per un paio di minuti al grill a gratinare.

Read Full Post »

L’impasto degli gnocchi è fatto mischiando porcini secchi ammollati e cotti. Barboni perchè si usano molte barbe o  per meglio dire  la spugna ( i tuboli) che di solito vengono o eliminati o considerati poco perchè di gusto deciso. Questa ricetta recupera ed esalta questa parte del fungo solitamente trascurata. Il condimento è fatto con una fonduta di formaggio con il penna nera della Lattebusche prodotto locale che non conoscevo. Il colore marroncino degli gnocchi con il bianco della fonduta è intrigante.

Per gli gnocchi:

Ingredienti  – per 7 persone: 1000 gr. patate da gnocchi, 50 gr. porcini secchi, 1 tazza di latte, 1 spicchio d’aglio, 1 ciuffo di prezzemolo, circa 150 gr. farina bianca 00 (dipende dalla consistenza delle patate), olio evo q.b.,1 noce di burro, 1 uovo, sale q.b.
Preparazione: metto in ammollo i funghi in latte tiepido per un quarto d’ora poi li strizzo e conservo il liquido per eventuali aggiunte. In un tegamino scaldo il cucchiaio d’olio ed una noce di burro con l’aglio sminuzzato, aggiungo i funghi rosolo, ed eventualmente verso un po’ di liquido, cucino per 30 minuti a fuoco basso. Intiepidisco e passo al mixer ottenendo una crema densa di porcini.
Lesso le patate con la buccia in acqua. A cottura ultimata, la forchetta deve entrare senza difficoltà, le sbuccio e metto nello schiaccia patate ancora calde. Nel frattempo ho distribuito sulla spianatoia uno strato di farina su cui dispongo le patate schiacciate e sistemate a fontana, distribuisco la crema di funghi spolvero con altra farina rompo l’uovo ed amalgamo e lavoro bene mettendo solo la farina necessaria per far stare assieme gli gnocchi. Faccio un salame da tagliare a pezzettoni e tiro dei salamini lunghi del diametro di 1,5 cm. circa, lavorando sempre su superfici infarinate, taglio con un coltello gli gnocchi lunghi 1,5 cm. .
Faccio bollire l’acqua su una pentola larga e salo abbondantemente, butto in acqua un piatto di gnocchi alla volta ed aspetto che vengano a galla, gli raccolgo, gli scolo dall’acqua e li verso direttamente sulla padella in cui ho preparato il condimento.

padella gnocchi

Per il condimento :
Ingredienti: 50 gr. di gorgonzola dolce, 150 gr.  penna nera Lattebusche, 30 gr. burro, 7 cucchiai di panna.
Preparazione: Sciolgo il burro in una padella capiente, aggiungo la panna ed il gorgonzola ed il penna nera a dadini, scaldo a fiamma bassa mescolando fino ad amalgamare il tutto creando una crema calda su cui farò saltare gli gnocchi scolati.

 

piatto barboni

Read Full Post »

Una serie di coincidenze mi hanno suggerito questa ricetta: due grossi wustel appena fatti trovati dal macellaio, l’acquisto delle patate rosse da un agricoltore di montagna che ne conserva la specie, la disponibilità di un porcino fresco e la voglia di una grattatina di ricotta affumicata fresca che ho preso in malga.

Ingredienti: n. 2 wustel grossi, 1 fungo porcino, 2 patate medie, 1 ricotta affumicata fresca, 1 cucchiaio di olio evo, sale q.b.
Preparazione: sbuccio e taglio a rondelle le patate dello spessore di mezzo centimetro, e le lavo ed asciugo in acqua (la larghezza deve essere leggermente superiore a quella dei wustel)  taglio a rondelle anche i wustel. Riduco il porcino a fettine sottili dopo averlo ben pulito e grattuggio filamenti di ricotta affumicata. Ungo il piatto del forno a micro onde con un cucchiaio d’olio e lo scaldo per tre minuti con la funzione CRISP distribuisco le patate, salo leggermente faccio andare per tre minuti le rigiro e le risalo. Lascio intiepidire e compongo la tartina: patata, fettina di porcino, rondella di wustel, filamenti di ricotta affumicata. Inforno e con la funzione grill cucino fino a doratura della ricotta, servo caldo.

tartina

Read Full Post »

Era la prima volta che utilizzavo questo tipo di funghi in una quiche. Le finferle o meglio i cantharellus lutescens sono prefetti per questa preparazione e la cromaticità che si ottiene abbinando i fiori di zucca è perfetta.

220px-Cantharellus_lutescens

Ingredienti: per la pasta brisèe  200 gr. farina bianca 00, 100 gr. burro molto freddo, 70 ml. acqua ghiacciata, un pizzico di sale. Preparazione: metto nel mixer la farina ed il pizzico di sale, aggiungo il burro tagliato a pezzettini e faccio andare fino ad ottenere un composto granuloso. Verso sulla spianatoia il composto ed incorporo gradualmente l’acqua fino ad ottenere un impasto omogeneo ma consistente, lo avvolgo nella pellicola trasparente e lo lascio riposare in frigorifero per almeno 50 minuti. Tolta dal frigorifero tiro la pasta usando un mattarello freddo (messo in frigorifero a raffreddare) creando un cerchio che inserisco nella tortiera anti aderente imburrata, bucherello il fondo. Una volta inserito il ripieno giro i bordi verso l’interno e cucino in forno caldo a 170/180° per 20 minuti.

 Ingredienti: per il ripieno –: 200 gr. funghi finferle fresche, n. 6 fiori di zucca, n. 1 spicchio d’aglio, prezzemolo q.b., 3 fette sottili (2 mm.) pancetta affumicata, ½ cucchiaino concentrato di pomodoro, 30 gr. parmigiano grattugiato, 100 gr. panna da cucina, 1 uovo, olio evo q.b., sale e pepe q.b.

Preparazione: sminuzzo la pancetta affumicata riducendola a dadini piccolissimi che rosolo in un cucchiaino d’olio, lascio raffreddare. Lavo e taglio i funghi, in un tegame scaldo il cucchiaio d’olio ed una noce di burro con l’aglio sminuzzato, aggiungo i funghi rosolo, unisco il concentrato salo leggermente ed eventualmente verso un po’ d’acqua. Cucino per 30 minuti a fuoco basso, a metà cottura unisco il prezzemolo, regolo di sale e pepe. In una terrina verso l’uovo che sbatto con una forchetta, aggiungo la panna che amalgamo con l’uovo ed incorporo la pancetta, i funghi ed il parmigiano. Verso il contenuto sulla pasta brisèe che avrò appena disteso nella tortiera, distribuisco i fiori di zucca in superfice al centro a corona e cucino.

quiche

Read Full Post »

Fare il coach in cucina è altrettanto piacevole che nello sport.

Per la terza volta con cinque giovani arcieri agonisti ho preparato e tenuto un mini corso di cucina che anche questa volta è riuscito benissimo.

Il menù era a base di “funghi” che i nostri eroi: Giulia, Andrea F., Andrea M., Peter e Sebastiano nel ruolo di cercatori hanno trovato nei boschi bellunesi. Il raccolto è stato notevole e ci ha consentito di fare un ottimo lavoro. Divisi in gruppi ognuno con i propri ingredienti assegnati abbiamo preparato le portate seguendo la ricetta traccia.

Le idee che sviluppo sono legate alla cultura del territorio ed ai suoi prodotti, alle materie prime di qualità a km. 0. Alcuni ottimi prodotti della Lattebusche ci hanno aiutato a dare un tocco in più ai nostri piatti.

Menu’

Antipasti:

Carpaccio di porcino crudo e grana padano.

Boletus edulis appena colto a fettine con scaglie di grana padano vecchio.

porcino

Quiche lorraine con finferle e fiori di zucca.

Torta salata a base di cantarellus lutescens decorata con fiori di zucca.

quiche

Tartina di patate con wustel, ricotta affumicata e porcini.

Tartina calda formata da patata di montagna, porcino, wustel e filamenti di ricotta bellunese di malga affumicata.

tartina

Primo piatto:

Gnocchi barboni con funghi porcini.

Gnocchi di patate e barbe di porcini secchi conditi con fonduta di formaggio penna nera.

piatto barboni

Secondo piatto:

Fettine di polpa di maiale affumicata alla birra con crauti.

Fettine di maiale affumicato lessate e saltate in padella e sfumate con la birra.

Crauti con le mele.

2014-08-23 13.14.33

Dessert:

Torta di carote

carote

Torta Pere e cioccolato.

pere cioccolato

Le ricette sono in via di pubblicazione in questo blog.

Read Full Post »

Non è un piatto semplice da preparare ma l’impegno per farli è abbondantemente ripagato dalla bontà degli gnocchetti.

Ingredienti: 4 porcini medi freschi o congelati, 500 ml. latte, 200 gr. burro + 40 gr. per la cottura dei porcini, 250 gr. farina bianca 00, 50 gr. parmigiano grattugiato, 300 gr. uova, noce moscata, sale e pepe q.b. – 750 ml. salsa mornay –  (ricetta nel mio blog).

Preparazione: in un tegamino a fondo spesso sciolgo il burro nel latte a bollore lento, un pizzico di noce moscata e salo. Verso la farina tutta in un colpo e mescolo fino a quando l’impasto fa una palla e si stacca dal pentolino e continuo a mescolare per due tre minuti. Tolgo dal fuoco, immergo il fondo del tegamino in acqua fredda e sposto il composto intiepidito in una planetaria, comincio ad impastare versando le uova un poco alla volta (in 3/4 volte) amalgamandole. Riempio una sac a poche con foro da 12 mm. Nel frattempo in una pentola larga ho portato a bollore l’acqua che salo e butto velocemente i gnocchetti, da quando vengono galla li lascio sobollire per 3 minuti e li verso man mano in una terrina con ghiaccio. Una volta bloccata la cottura li distendo ad asciugare su dei canovacci. 01032014277 Affetto finemente i porcini dopo averli ben spazzolati e puliti (se congelati non li scongelo ma li taglio subito) li metto in una padella in cui ho sciolto due noci di burro ed a fiamma vivace salo leggermente e spolvero di pepe facendoli solo appassire per un paio di minuti.

Utilizzo otto mono porzione da forno, sul fondo stendo un velo di salsa mornay e distribuisco uno strato di gnocchetti vicini ma non pressati, una cucchiaiata di porcini e copro con la salsa, un altro strato di gnocchetti e copro con la salsa mornay, finisco spolverando di parmigiano. P1030519

Passo in forno caldo per 10/12 minuti a 200° e altri cinque minuti al grill in modo da creare una crosticina croccante in superfice. P1030521

Read Full Post »

Older Posts »